Edizione 2015

KUGY TUTTO L’ANNO

La settima edizione del Festival del Cinema di Montagna della Valcanale si è tenuta nei giorni 20, 21, 22 e 23  agosto in Piazza Unità a Tarvisio e in altre località del Comune di Malborghetto-Valbruna.Il festival è stato presentato da Luciano Santin che ha introdotto gli argomenti e proposto temi di riflessione.

Il festival non si esaurisce nei quattro giorni di programmazione durante il mese di agosto ma offre eventi decentrati sul territorio della Provincia di Udine.

Journey

 

 

PROGRAMMA DELLA EDIZIONE ESTIVA 2015

GUARDA IL VIDEO

 

GIOVEDI’ 20 AGOSTO ore 21.00 Tarvisio – Piazza Unità

“L’UOMO CHE PARLAVA ALLE MONTAGNE”  – Multivision e recitazione di testi originali di Julius Kugy

Roberto Valenti – 18 min. – Lingue: ITA

Dai bivacchi in vetta alle Giulie (necessari – come predicava Herr Doktor- per conoscere davvero i monti) uno splendido multivision curato da Roberto Valenti. Testi di Kugy, dell’autore e di Diego Masiello, letti da Maurizio Zacchigna ed Elke Burul. Saranno  presenti gli autori  Roberto Valenti  e Diego Masiello per presentare il loro lavoro.

a seguire

“UN SOGNO OLTRE IL CONFINE” –  La questione del genocidio degli armeni.

Una storia di Ararad Khatchikian per la regia di Fabrizio Colloredo – 14 min. – Lingue: ITA

Il genocidio di oltre un milione e mezzo di armeni, avvenuto nel corso della prima guerra mondiale, sta per essere riconosciuto ufficialmente dopo quasi un secolo di silenzi colpevoli. Ospite e relatore della serata sarà Minas Lourian direttore del “Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena” di Venezia che con Ararad Khatchikian, armeno di origine, naturalizzato italiano, nato a Kartoum in Sudan da progenitori profughi fuggiti e sopravissuti al genocidio,  porterà una testimonianza vissuta delle conseguenze delle tragiche vicende di quegli anni oscuri. Il documentario mostra ambienti e usi del popolo armeno e visita alcuni dei luoghi del confine chiuso da quasi un secolo tra Armenia e Turchia. Alcune interviste comunicano con forza  il dramma incancellabile di un crimine orribile.

VENERDI’ 21 AGOSTO ore 21.00 Tarvisio – Piazza Unità

Trento 365

Serata dedicata alle migliori produzioni del cinema di montagna presentate alla rassegna trentina 2015. Continua la collaborazione, giunta al settimo anno, con il Festival più importante della scena europea a tema di montagna e alpinismo

Sezione “Esplorazione e Avventura”

“VALLEY UPRISING”  –  Genziana d’Oro della Città di Bolzano

Nick Rosen, Peter Mortimer, Josh Lowell – 98 min. – Lingue: ENG – Sottotitoli: ITA

50 anni di arrampicate rivoluzionarie nel mitico scenario della Yosemite Valley. Immagini d’archivio e  testimonianze inedite  ripercorrono una storia di conquiste ove sfide ed  exploit  si rincorrono fino alle arrampicate più attuali. Un finale mozzafiato e scene di ardita conquista intercalano momenti di puro umorismo.

Scopri  gli altri appuntamenti del Trento Film 365

SABATO 22 AGOSTO

ore 17.00 Tarvisio – Auditorium Centro Culturale

leggimontagna 2

Selezione dei migliori cortometraggi presentati al Premio Audiovisivi “Leggimontagna 2015”

ore 21.00 Tarvisio – Piazza Unità

“NON TI FARO’ ASPETTARE” – Nives Meroi – Edizioni Rizzoli –  30 min. Lingue: ITA

Presentazione del nuovo  libro di Nives Meroi con la partecipazione della scrittrice-alpinista.

Così Erri de Luca ha commentato le imprese alpinistiche di Nives:

« Tre alpiniste hanno già scalato undici di quelle immensità e si avvicinano al traguardo. La più forte di loro e di tutti i tempi si chiama Nives Meroi ed è italiana. […] Perché Nives Meroi ha salito le sue cime asfissianti senza uso di bombole di ossigeno e senza impiego di portatori di alta quota, i climbing sherpa. […] Le altre due alpiniste intendono diversamente l’impresa, una ha impiegato ossigeno, l’altra adopera portatori di alta quota che si sobbarcano di tutto il peso sulle spalle, scavano la piazzola, montano la tenda e fanno trovare il tè caldo già pronto »

3284487-9788817080347

L’alpinismo di Nives Meroi e Romano Benet, suo marito dal 1989 e da sempre suo compagno di cordata, è pulito e diretto. La via ha due direzioni: verso la cima e verso il proprio lato interiore. ogni passo, contemporaneamente,  ti porta più lontano e ti avvicina a te stesso.

a seguire

“LA GUERRA DEL DOTT. KUGY” Multivisione e recitazione di testi originali di Julius Kugy – 70 min. – Lingue: ITA

-Voce Narrante: Patrizia Hartman

-Recitato: Andrea Brugnera

-Improvvisazioni e rumori: Daniele Masarotti

in collaborazione con Ass. Cult. “RISONANZA”, Ass. Cult. “KAMINA” e “Edizioni Saisera” di Davide Tonazzi.

jukius kugy

Un mistero restava ancora da svelare: se mai il IX Capitolo, mancante nell’autobiografia “Dalla Vita di un Alpinista”, fosse mai stato scritto. Lo stesso era stato richiesto all’autore, oramai anziano, dai gerarchi nazisti che avrebbero voluto farne strumento di propaganda, immaginando (o richiedendo) che contenesse l’inno alla guerra e alla battaglia necessario alla politica del Reich. Ma ben diversa intenzione aveva ispirato e serbato nel cuore il Dott. Kugy che aveva vissuto sul campo di battaglia il dramma della Grande Guerra.
Il manoscritto del IX Capitolo esisteva ed è stato infine rintracciato dallo storico Davide Tonazzi presso un amico scrittore. Finalmente si poteva pubblicare un’opera che mal si sarebbe prestata alla diffusione se non in tempi, oltre ogni sospetto, austriacante o irredentista. Nell’agosto del 2008 il libro prende forma e il pensiero del Dott. Kugy, rispetto ai temi della guerra sulle Alpi Giulie, viene reso pubblico.
Intitolato “La mia Guerra nelle Giulie” (pubblicato dalle Edizioni Saisera), esso contiene quindi questo diario di guerra scritto con toni equilibrati ma appassionati nella narrazione degli eventi bellici che così profondamente stavano cambiando il volto geopolitico dell’Europa.

kugy

Guarda le interviste che parlano del progetto:

Fabrizio Colloredo – regista

Andrea Brugnera – attore

UNA REPLICA DELLO SPETTACOLO E’ PREVISTA VENERDI’ 5 FEBBRAIO 2016, A MANZANO A CURA DELL’ASS. CULT. “RISONANZA”.

DOMENICA 23 AGOSTO 

ore 11.00  Malborghetto – Museo Etnografico Palazzo Veneziano

“LA BATTAGLIA DI CAPORETTO” Il fronte dell’isonzo raccontato battaglia dopo battaglia.

Zeliko Cimpric – 19 min. – lingue: ITA

In collaborazione con il Museo di Caporetto – Kobariski Muzej.

Nel museo di Caporetto sono raccolte le testimonianze di oltre un anno di battaglie che hanno mietuto migliaia di vittime.

a seguire

“ISONZOFRONT” Il fronte dell’Isonzo a due voci nelle parole di Alice Schalek. – 60 min. – Lingue: ITA

-Voce narrante: Andrea Brugnera

-Recitato: Patrizia Hartman

alice schalek

Dodici offensive hanno mietuto decine di migliaia di vittime lungo il fronte dell’Isonzo.
Alice Schalek, prima reporter di guerra al femminile, fa un rendiconto dettagliato della sua permanenza nei luoghi del conflitto durante la primavera-estate 1916. Questo racconto, spesso umano e toccante, offre un quadro drammatico di quegli eventi e interpreta il sentimento oltre che dei soldati anche della gente comune costretta a subire una vita “non vita” in luoghi “non luoghi” dove niente è più uguale e dove la pace sembra solo un ricordo irrealizzabile.

 

ore 15.00 Valbruna – Evento Open Air

Seconda Guerra Mondiale – Visita guidata al “Vallo Alpino del Littorio” –  60 min.

A cura dell’associazione “Friuli Storia e Territorio”.  Dalla Seconda Guerra Mondiale fino alla Guerra Fredda la linea di confine è stata difesa dalle fortificazioni ancora visibili nel territorio della Valcanale.

Ritrovo ore 14.50 presso il parcheggio in prossimità del ristorante Renzo.

  ore 16.30 Malborghetto – Museo Etnografico Palazzo Veneziano

“SIAMO PIETRE E OMBRA” – Giorgio Gregorio – 60 min. – Lingue: ITA

Frammenti di memorie di mondi scomparsi che restano nei luoghi di un Friuli e una Venezia Giulia che, terra di confine, appare ricca di storia e testimonianze.

a seguire

“UN PAESE DI PRIMULE E CASERME” – Diego Clericuzio – 60 min. – lingue: ITA

Un viaggio tra i ruderi dalla Seconda Guerra alla Guerra Fredda. Monumenti di un passato appena da scoprire.

Tarvisio – Piazza Unità ore 21.00

Serata dedicata alle migliori produzioni del cinema di montagna presentate alla rassegna slovena “Bovec Outdoor Film Festival”.

boff

“BLOWIN IN THE WIND”  – Wareck Arnaud, Johan Civel – 11 min. – Lingue: ENG

Un gruppo di giovani sciatori e snowboarders scorpe un nuovo modo di vivere la montagna. Da quel momento il vento diventa amico e alleato per scoprire meravigliosi ambienti ed emozioni.

a seguire

“FLYING HIGH – THE QUEST OF EVEREST “ – Christian Schmidt – 52 min. – Lingue: ENG

Riuscirà Valery Rozov a compiere un volo dalla cima del mondo? Dall’Everest in tuta alare in una delle più grandi avventure dell’umanità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...